Autunno Pavese 2016: la rassegna del #gustopavese

autunno-pavese-2016Dal 23 al 26 settembre Castello Visconteo di Pavia spalanca i portoni per ospitare la 64esima edizione di Autunno Pavese DOC, appuntamento enogastronomico che porta sul palmo di una mano i sapori del territorio pavese e lombardo. Quattro giorni dedicati al gusto, ma anche alla musica e all’arte.

Al posto del classico taglio del nastro, un click darà il via all’evento con giochi di luce e suono, ideati dal direttore artistico Marco Lodola. Nello stesso istante, sulle mura del Castello, apparirà il simbolo di Autunno Pavese 2016, la boule de neige del #gustopavese.

Autunno Pavese DOC si svolge in collaborazione con il Comune di Pavia e grazie al contributo della Fondazione Banca del Monte di Lombardia.

Incontro con il gusto
Ottanta gli stand di prodotti tipici quali riso, vino, ortaggi, funghi, tartufi e birra in esposizione nel cortile interno del Castello, sotto la tensostruttura firmata dall’architetto Carlo Golgi. La zona degustazione è dedicata ai formaggi, ai salumi tipici e ai risotti, cento ogni mezz’ora, come da tradizione. Novità dell’edizione 2016 è l’angolo street food d’Autunno, con proposte a base di carne ma anche piatti vegani, conditi o accompagnati da ortaggi e prodotti tipici.

Laboratori e showcooking
Autunno Pavese DOC è anche sinonimo di partecipazione. Aperti fino ad esaurimento posti diversi laboratori tematici condotti da esperti, aziende vinicole, artisti e chef: dalle bollicine del metodo classico dei vini pavesi, alle degustazioni al buio, alle mise en place per la tavola con i fiori, ai dialoghi tra arte e vino, agli showcooking di specialità e dolcezze pavesi. Per i più piccoli in programma giochi, laboratori e tante attività ricreative.

Intrattenimento e spettacolo
Ciascuna serata sarà animata da Autunno Pavese Show, durante il quale personaggi del mondo dello spettacolo si alterneranno a dj set. Tra gli ospiti Eiffel 65, Paolo Ruffini e molti altri. Per concludere la quattro giorni, il 26 sera Federico Buffa porta il calcio sul palcoscenico con il talk  show “Goal a Grappoli”, seguito dalla musica del pianista Alberto Chawalkiewicz e dalla voce di Ron, il cantautore dal cuore pavese che chiuderà la manifestazione.

[alert color=”EF9011″ icon=”9998″]LEGGI ANCHE: Vacanze d’autunno. 7 destinazioni per dire no al freddo[/alert]
Arte e mostre
Nelle proposte di Autunno Pavese c’è anche l’arte, che si declina in tre diverse opportunità: durante i quattro giorni è prevista l’apertura anche serale della mostra “Il Novecento nelle collezioni dei Musei Civici”, dove saranno esposte una settantina di opere, dipinti ed incisioni, dei Musei Civici di Pavia in un apposito allestimento. Il biglietto di Autunno Pavese permette di entrare con riduzione alla mostra “Guttuso. La forza delle cose”, allestita presso le Scuderie del castello.

Il Passaporto
Autunno Pavese DOC 2016 sarà la prima tappa in provincia di Pavia per il Passaporto, iniziativa lanciata da Regione Lombardia il 29 maggio attraverso il suo brand di promozione turistica in LOMBARDIA durante l’Anno del Turismo in Lombardia. Si tratta di uno strumento che permette al viaggiatore di collezionare le destinazioni turistiche e le esperienze in Lombardia che, tappa dopo tappa, verrà vidimato da speciali timbri raccolti durante i viaggi. Previsti premi speciali per chi riuscirà a collezionare tutte le destinazioni indicate sul passaporto e ad aggiungerne di nuove.

Per il programma completo: programma Autunno Pavese DOC 2016

di Ilaria De Pasqua  |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.