Vessel. A New York la prima torre che fa bene alla salute

vessel-new-yorkPresto anche la Big Apple avrà la sua Tour Eiffel. Il progetto è completamente diverso, ma il fatto che si estenda in altezza fa subito pensare al simbolo di Parigi. 46 metri di acciaio inossidabile color bronzo che riflette l’immagine dei passanti: “Vessel” ha tutte le carte in regola per diventare nuovo emblema di New York.

A prima vista sembra una sorta di alveare aperto in cima. 154 le rampe di scale (l’equivalente di 15 piani) da percorrere per raggiungere la vetta del monumento, da molti definito come “palestra gigante” a causa dei suoi 2.500 scalini, perfetti per l’allenamento quotidiano. Affacci, collegamenti, intrecci, da qui il nome Vessel, in riferimento ai vasi sanguigni. Difficile eguagliare i 300 metri della più famosa torre parigina, ma sua sorella americana regalerà comunque uno spettacolo panoramico sull’isola di Manhattan e oltre.

L’edificio porterà la firma di Thomas Heatherwick, uno dei più talentuosi designer britannici e sorgerà nel nuovo parco all’interno di Hudson Yards, il complesso residenziale e commerciale che si svilupperà lungo il versante occidentale della città. Alcune importanti aziende (L’Oréal, per citarne una) hanno in programma di trasferire i loro quartieri generali proprio in questa zona, destinata a diventare il nuovo cuore pulsante di New York. “Questo spazio è incredibile – ha detto il sindaco de Blasio durante la presentazione – e diventerà’ una destinazione interessante sia per i newyorkesi che per i turisti”.

torre-new-yorkPer la serie “portiamo alto l’orgoglio italiano”, si dice che la piazza dove sorgerà Vessel sia stata progettata traendo ispirazione da piazze italiane tra cui Piazza del Campidoglio a Roma. L’idea è quella di realizzare uno spazio aperto, destinato al tempo libero, ma anche ad ospitare eventi, concerti, manifestazioni e rappresentazioni artistiche.

La produzione delle componenti dell’edificio è già cominciata, a partire dall’anno prossimo avverrà l’assemblaggio. Bisognerà attendere il 2018 per il sali scendi dai 2.500 gradini che tanto promettono una forma fisica invidiabile.

di Ilaria De Pasqua |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.