Formentera in bici anche in autunno

Formentera in bici in autunno? Perché no? La più piccola delle isole Baleari è un paradiso del quale si può godere ancora in autunno inoltrato, lontano dal clamore delle feste sulla spiaggia e dalla presenza “ingombrante” dei VIP. Le temperature miti, la tipica vegetazione mediterranea, la sabbia bianchissima e il mare dalle varie tonalità di turchese rendono l’isola “pitiusa” il luogo ideale dove trascorrere un weekend di relax. Data la grandezza  –  solo 83 km² – e il fatto che sia quasi completamente pianeggiante, il modo migliore per girare Formentera è in bici. Ne potrete noleggiare una appena arrivati al porto di La Savina, che è anche uno dei centri abitati dell’isola, e da lì cominciare il giro delle spiagge e dei paesini che caratterizzano Formentera, raggiungendo posti incantevoli, attraversando strade non asfaltate, e immergendovi nella natura incontaminata.

I percorsi più interessanti sono segnalati dai cartelli “Rutas Verdes” (circuiti verdi) che attraversano le principali mete paesaggistiche dell’isola: partendo da nord, incontrerete il Parco naturale de ses Salines d’Eivissa i Formentera, che corre dalle saline alle spiagge di ses illetes e llevant, in un susseguirsi di paesaggi e colori unici. Lì vicino, c’è l’isola di Espalmador la cui peculiarità è quella che in certi punti diventa una striscia di sabbia di poche decine di metri con il mare su entrambi i lati. La spiaggia più conosciuta dell’isola è la spiaggia di S’Alga, con la torre di Sa Guardiola, situata nel punto più alto di un parco naturale ricco di fauna e flora. Su quest’isola non vi è alcun ristorante o stabilimento balneare.

Tornando verso sud, potrete fermarvi in alcune delle spiagge più belle non solo di Formentera, ma di tutto il Mediterraneo:

Ses Illetes è una delle più complete e attrezzate per il tempo libero, data la presenza di ristoranti, chioschi, amache, ombrelloni e servizi per i bagnanti. Esiste anche un servizio di trasporto marittimo di collegamento con il porto di La Savina e con l’isola di Espalmador. Altro vantaggio della bici è che in questa riserva naturale si può accedere gratuitamente, mentre è necessario pagare un pedaggio se si arriva in auto o in scooter.

Cala Saona è una piccola spiaggia ricca di ristoranti e chioschi da cui si può ammirare la vicina Ibiza e da cui sono facilmente raggiungibili a piedi la Costa de Punta Pedrera e le scogliere di Punta Rasa.

Platja de Migjorn è una delle più grandi dell’isola, con una superficie di sabbia che abbraccia gran parte della costa sud, da La Mola a Es Cap de Barbaria.

Es arenals, spiaggia dalla sabbia bianchissima e dall’acqua caraibica, è anche famosa per la presenza di locali mitici come “el piratabus”, luogo cult di Formentera nel quale gustare ottimi apertivi aspettando il calare del sole.

Il nostro tour in bici ci porta anche nei piccoli centri abitati dell’isola, come Sant Ferran de ses Roques, meta hippy a partire dagli anni sessanta, Es Caló de Sant Augustì e El Pilar de La Mola. Il capoluogo municipale è Sant Francesc Xavier, che conserva l’omonima chiesa risalente al XVIII secolo, inizialmente utilizzata come fortezza e luogo di protezione dagli attacchi dei pirati. Il principale centro turistico dell’isola è, però, Es Pujols: in questo grazioso paesino, potrete sorseggiare ottimi cocktail comodamente seduti sui divanetti di uno dei tanti locali sulla spiaggia. Tra quelli davvero da non perdere, segnaliamo lo “Chezz Gerdi”, il “Rigatoni” e il “Tahiti”. Per una cena in riva al mare, invece, due dei migliori ristoranti di Es Pujols sono sicuramente “La cava” e “Bocasalina”, un po’ cari (specialmente il secondo), ma assolutamente da provare se volete mangiare dell’ottimo pesce fresco.

Insomma, Formentera è un’isola per tutte le stagioni, ma se vorrete realmente coglierne l’essenza, godervi scenari paradisiaci, e immergervi nella bellezza della sua macchia mediterranea, delle sue spiagge bianchissime e delle sue acque trasparenti,  fatelo in bici … e fatelo in autunno.

Testo e foto di Angelo Laudiero |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.