Natale alle Maldive: festeggiare il 25 Dicembre al sole

Ad attrarre irrimediabilmente i viaggiatori verso la vacanza di Natale alle Maldive non sono solo il sole e il mare. A fare la differenza è la natura incontaminata del Paese tropicale, dove i 26 atolli di sabbia finissima che lo compongono, fanno bella mostra di sé, specchiandosi nelle acque cristalline dell’Oceano Indiano.

maldive-Constance-Halaveli
Il sogno di un Natale alle Maldive © Constance-Halaveli

Il singolare intreccio ad anello, formato dalle oltre mille isole coralline, offre uno spettacolo dai colori ineguagliabili, un ambiente puro e inviolato e tanto buon cibo, la soluzione ideale per passare una vacanza da sogno come quella di Natale.

Approfittando dei voli Roma Maldive, con partenza da Fiumicino e scalo all’aeroporto di Malè, passare le festività natalizie su un atollo incontaminato non è più solo un miraggio.

Prenotare con largo anticipo consente di risparmiare sui trasferimenti, fruendo opportunamente delle offerte di viaggio messe a disposizione dalle compagnie aeree che compiono il percorso. Arrivati comodamente a Malè sarà poi necessario spostarsi in barca, per raggiungere la destinazione prescelta.

Prima della partenza è importante avere curato l’intera organizzazione del viaggio, dagli spostamenti al soggiorno, alle attività di cui godere nel periodo di permanenza, il tutto affidandosi a interlocutori sicuri e affidabili quali i tour operator specializzati.

Il viaggio alle Maldive: dove risiedere e pernottare

Rashdoo Island, Alif Alif Atoll, Maldives
L’ingresso di una Guesthouse sull’isola di Rashdoo, Atollo di Alif Alif, Maldive © Lucio Rossi

Chi sceglie di lasciarsi alle spalle il freddo dell’inverno, per potersi godere il sole delle Maldive, può valutare l’ospitalità di un resort, di un hotel o di una guest house.

Il periodo ideale per una vacanza alle Maldive è quello che va da dicembre ad aprile, quindi Natale si rivela la scelta adeguata. Questo lasso di tempo è perfetto perché coincide con la stagione più secca dell’anno, quella in cui è davvero raro che si scatenino temporali e piogge intense, a differenza della stagione umida, compresa fra maggio e novembre.

Per chi desidera abbinare ai bagni di sole e mare anche tutta una serie di attività culturali, e non disdegna la vita notturna, il consiglio è quello di fermarsi a Malè. La capitale vanta bellissime spiagge, coniugate a una vita urbana più intensa, alla presenza di musei, centri d’arte ma anche di numerosi locali e di una ricca varietà di alloggi.

Per chi predilige l’avventura, i luoghi più appartati, e non desidera allontanarsi dal mare per dedicarsi agli sport acquatici, la scelta è davvero ampia, considerando gli oltre mille isolotti fra cui poter selezionare quello adeguato, ma valutando di visitare anche gli altri.

Alle Maldive è estremamente difficile annoiarsi, il divertimento è assicurato da escursioni, pesca, snorkeling, nuoto, bagni di sole e lunghi giri in barca, impegnati a circumnavigare atolli e isole, a caccia di panorami mozzafiato,

Che cosa mangiare

maldive-food-Mashuni-cibo-tipico-maldiviano
Un piatto di mashuni, piatto tipico maldiviano che si consuma a colazione ©Shutterstock

Se amate sperimentare a tavola, e il pesce è la vostra passione, non mancano le occasioni, scegliendo di scoprire le bontà tipiche maldiviane.

Si comincia dalla colazione con una proposta a base di pesce quale il Mashuni, e si prosegue a pranzo o a cena con specialità quali il Geri riha, pietenza decisamente speziata a base di manzo e curry, cucinato con il latte di cocco, il Chichandaa satani a base di pelle di serpente, cipolla e peperoncino, il Kandumahu mussanmaa, fagottini di tonno avvolti nelle foglie di palma.

A base di riso il Kaliyaa Birinje è un piatto decisamente saporito, preparato con cipolla, aglio e una cascata di spezie. Ed è ancora il pesce il protagonista del Raiymahu riha, zuppa di dentici dalle note saporite e piccanti, e del Theluli mas, frittura a base di tonno.

I più golosi potranno deliziare il palato con gli Huni hakuru folhi, piccoli pancake realizzati con cocco, zucchero, latte e farina, o con il Bodibaiy tipico dolce delle Maldive, a base di riso e zucchero.

Ad accompagnare le pietanze è la bevanda tipica maldiviana, realizzata con il succo ottenuto dall’albero di cocco.

Che cosa fare e che cosa evitare accuratamente

maldive-pesce-angelo
Un banco di pesci angelo nel mare maldiviano Foto di Bettina Nørgaard da Pixabay

Per scoprire da vicino le Maldive non possono mancare mete come la barriera corallina, le immersioni subacquee, e i viaggi in Dhoni, le tipiche imbarcazioni a vela.

Per evitare problemi di sorta ricordate che è assolutamente vietato dare da mangiare ai pesci, lasciare rifiuti sulla spiaggia o in mare perché le Maldive sono un paradiso naturalistico da tutelare. Inoltre è preferibile non vestire abiti troppo succinti, i maldiviani sono tutti mussulmani, e potrebbero non apprezzare.

Testo di Redazione|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.