Raccontare Shakespeare ai ragazzi

william shakespeare 247x300 Raccontare Shakespeare ai ragazziLaura Pasetti e il Charioteer Theatre, visto il grande successo riscosso nella scorsa stagione, ritornano quest’anno, nuovamente nella Scatola Magica del Piccolo Teatro Strehler, dal 13 al 25 marzo 2011, per raccontare Shakespeare ai ragazzi.

Get me out of here! è uno spettacolo-gioco nel quale il giovane pubblico sarà chiamato, come in un’isola dei famosi shakespeariana, a ‘nominare’ i personaggi delle opere del Bardo. Prospero, protagonista della Tempesta di Shakespeare, non è affatto il vecchio mago esiliato e vendicativo della commedia originale, bensì il padrone di un’isola, sulla quale tiene come prigionieri gli altri grandi personaggi delle tragedie e commedie shakespeariane. Questo per preservarli dal dolore di non essere apprezzati, perché – a suo dire – il mondo del terzo millennio è ben diverso dal Seicento elisabettiano e nella nostra realtà non esiste più spazio per la poesia né per il teatro. Il risultato è che le loro opere non vengono più rappresentate. Tre di loro – Lady Macbeth, Amleto e Puck – non sono d’accordo e tentano la fuga perché ritengono che le loro storie meritino ancora di essere raccontate. Prospero propone allora un patto: se riusciranno a convincere il pubblico del valore e della bellezza dell’opera a cui appartengono, potranno lasciare l’isola e tornare nei teatri. Ogni personaggio avrà dieci minuti a disposizione per fare quello che ritiene più opportuno: recitare un pezzo di testo, raccontare la storia, coinvolgere i ragazzi in una scena. Solo uno dei tre potrà allontanarsi. E saranno i ragazzi a decidere quale delle tre storie sia la più convincente.

A cura di: Samantha Lamonaca

Info: Piccolo Teatro

Quando: dal 13 al 25 marzo 2011

Orari: da lunedì a venerdì ore 9.45 e 11.15; sabato riposo; domenica ore 11.00

Durata 60 minuti senza intervallo

Prezzi: posto unico 8 euro.

Dove: Piccolo Teatro

Milano Largo Greppi, 1

MM2 VERDE Lanza

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.