Provenza in bicicletta: la via della lavanda

La bella stagione in Provenza nasce nelle vibrazioni intense di un profumo dall’anima viola: la lavanda. Il periodo intorno al mese di giugno può essere la deliziosa occasione per esplorare la Francia in bicicletta, lungo le strade e i campi inconfondibilmente dominati dalle sfumature che rendono la via della lavanda uno degli itinerari più apprezzati al mondo.
Il Plateau du Claparèdes, tra Bonnieux e Saignon, vi stupirà con i suoi paesaggi disegnati nelle sfumature della china: dalle sorgenti e i mulini di Vaucluse ai villaggi in sasso del Lubéron vi sarà possibile inseguire una serie di itinerari da percorrere sulla due ruote o a piedi, nell’intrigante cartolina di una Provenza che vive di sole, profumi e meravigliosi borghi dove il tempo smette di correre per contemplare il gioco dei riflessi tra fiumi e cielo.
A Coustellet potrete visitare il Museo della Lavanda, dove penetrare tra i segreti antichi della lavorazione di questa pianta nella delicata atmosfera della tenuta del Château du Bois, dove dal 1890 si coltiva il celebre fiore, utilizzato da generazione di donne come tonico per il viso, suddiviso in rametti da legare a un nastro di raso e lasciare nei cassetti della memoria. La massima concentrazione di campi di lavanda si trova nei pressi di Plateau de Valensole: chilometri che si accendono di viola mescolano i loro colori con la sgargiante effervescenza del rosso dei papaveri in un quadro dalle armonie sottili. Esuberanti e vivaci, i campi di girasole giocano con la coreografica luce delle sfumature di colore capaci di avvolgere la Chiesa di San Denis in un acquarello dai toni bluastri.
Balli e mercatini dell’artigianato a Sault-en-Provence, dove il 15 agosto viene celebrata la Festa della Lavanda, mentre le spa della zona si immergono in bagni aromatici a tema e delicate emulsioni con cui riscoprire la bellezza di una cosmesi naturale.
Se siete nella zona, non dimenticate un tuffo nel Parco naturale regionale del Lubéron immersi nei vitigni del Château La Canorgue, dove apprezzare l’anima della Provenza nel sapore denso del vino. Distillerie e il piacere dei piccoli villaggi della Provenza a Apt, dove passeggiare esplorando vie labirintiche e bistrot in cui gustare la saporita cucina provenzale.
Non dimenticate di assaggiare il miele di lavanda, da spalmare sul pane di semi e infilare nel cestino da picnic così caro alle usanze francesi. Per correre incontro alla luce della bella stagione con l’allegria dei pasti all’aria aperta insieme a famiglia e amici: le buone, sane abitudini da riscoprire al passo lento di una Provenza che si svela con delicatezza nell’incanto lieve e silenzioso di un’anima indaco.
Maddalena De Bernardi © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.