La Foire aux Cancres

del ‘Columnist’ Federico Formignani

Questa settimana titolino’francese’, giusto per rimarcare l’internazionalità e la varietà delle chiacchiere che proponiamo. Quella di oggi, vista la leggerezza e l’involontaria comicità delle citazioni, si rifà a un libro francese pubblicato nel 1962 (autore, o meglio, ‘raccoglitore’ delle piacevoli scemenze è Jean Charles). In italiano viene spontaneo cambiare il titolo in ‘La Fiera delle Castronerie’, perpetrate dagli immancabili ‘equilibristi della lingua’ (in questo caso, francesi) appartenenti a differenti categorie sociali: avvocati, scrittori, uomini politici, commercianti, ma soprattutto studenti. Jean Charles ha ‘spulciato’ con pazienza e sempre crescente allegria una grande varietà di testi (discorsi, giornali di provincia, manifesti, compiti in classe, ecc.) mettendo insieme una raccolta di facezie, in qualche caso persino difficili da credere come realmente pensate e messe nero su bianco. La parola francese ‘cancres’, precisa il dizionario di Raoul Boch (Zanichelli, 1989) è un sostantivo maschile interpretabile come ‘familiare e spregiativo’ che identifica lo scaldabanchi, l’asino, il somaro. Noi usiamo spesso, a fronte di un’azione mal riuscita o di un errore di valutazione grossolano, l’espressione ‘prendere un granchio’. Così, mentre il granchio è sparito dal dizionario francese (sostituito da ‘crabe’) ecco una raccolta di sapide castronerie.

Vediamo in primo luogo il grado di conoscenza geografica dell’Italia e di alcuni paesi e territori del mondo, da parte degli studenti francesi. America, fusi orari: ‘NewYork è in ritardo sull’ora di Greenwich, perché l’America è stata scoperta molto tempo dopo’. In volo verso il continente dei canguri: ‘L’Australia è situata alle antilopi della Francia. Ci sono molti montoni, ma disgraziatamente i conigli tagliano loro l’erba sotto i piedi’. Altro volo ed eccoci in Sudamerica: ‘La foresta vergine è una foresta che non è mai stata penetrata dall’uomo; la vegetazione è molto lussuriosa e gli alberi giganteschi diventano rapidamente centenari’. È il momento del paese per loro al di là delle Alpi, l’Italia: ‘Le città d’Italia più visitate dai turisti sono Venezia, che è costruita dalle gondole su una lacuna; Pisa, dove hanno fatto una torre che cade da tutte le parti’. Per tirarsi su il morale: ‘I vini italiani sono eccellenti: in particolare il Chianti, l’Asti e l’Agata Christie’. Ritorno ai climi freddi, quelli estremi: ‘Il Polo Nord è una culotta di ghiaccio; attorno si estende l’oceano glaciale Artistico. Nelle terre polari non c’è molta flora; solo qualche fauno selvatico e dei licheni’.

Un po’ di Storia, ma quella con la ‘S’ maiuscola: ‘Le tre grandi epoche dell’umanità sono l’età della pietra, l’età del bronzo e l’età della pensione. L’età della pietra si divide in età della pietra scheggiata e in età della pietra pomice’. Tra Ebrei e Cristiani: ‘Il più celebre degli Ebrei si chiamava Mosè e viveva nella prima parte della Bibbia. Fu lui a ricevere il catalogo sul Monte Sinai’. Non va molto meglio per Gesù: ‘Gesù fu crocefisso da due ladroni. Quando risuscitò si fece prima vedere dalle donne, perché la notizia si spargesse più presto’. È il momento dei fasti dell’Impero e arriva l’inventore della ghigliottina: ‘Il dottor Guillotin fece vedere la sua macchina al re e tagliò la testa a una scimmia. Il re fu così contento che salì anche lui sulla ghigliottina’. Che dire poi di Napoleone: ‘Era un grande generale. Durante la campagna d’Italia fece stare il nemico cinque mesi sulla ritirata’. Infine, la Grande Guerra: ‘L’attentato di Sarajevo fu la goccia d’acqua che diede fuoco alle polveri’. Per concludere le avventure verbali dei giovani francesi, un florilegio di considerazioni ‘profonde’. Matematica: ‘Un numero concreto è un numero che si vede a occhio nudo, mentre un parallelepipedo è un animale che ha due piedi paralleli’. Zoologia: ‘La vacca è un mammifero che ha le gambe che arrivano fino a terra. Nella fecondazione artificiale, il veterinario sostituisce il toro’. Puntuale anche l’interesse riservato alle razze canine: ‘Il San Bernardo è un grosso cane che ha costruito un convento in montagna, dove offre ai pellegrini dei liquori e del cioccolato’. Scienza: ‘La gravità è stata inventata da Newton. La si osserva soprattutto in autunno, quando cascano le foglie’. Dirompente è poi l’attenzione riservata al corpo umano: ‘I cinque sensi sono:  l’udito, la vista, l’odorato, il buon gusto e il senso vietato. La principale malattia dei sensi si chiama sensualità e si cura con esercizi’. Studenti pigri, ma a loro modo straordinari, tanto da far dire a un loro professore: ‘Da qualche tempo noto delle lacune nella loro ignoranza’.

Foto web | RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.