Le Festas de Lisboa, giugno impazza nella capitale lusitana

12

Se c’è un mese più indicato per visitare Lisbona, questo è certamente giugno, quando la città cara a Pessoa diventa palcoscenico del Le Festas de Lisboa. La musica ad alto volume invade i quartieri lusitani  di Castelo, Mouraria, Graça, Alfama, Ajuda e Bairro Alto e il profumo delle sardinhas assadas (le tipiche sardine arrostite alla brace) è ovunque. E poi bancarelle colorate che vendono le tipiche piantine di basilico con il garofano di carta e la frase benaugurante che cita il Santo.

La novità di quest’anno è l’apertura di un nuovo contenitore Teatro Luís de Camões, o semplicemente LU.CA,  dedicato esclusivamente a bambini e adolescenti, inaugurando il mese di festeggiamenti.

Il culmine si raggiunge tra il 12 e il 13 giugno, giorno della festa di Sant’Antonio. Battezzato con il nome di Fernando, Sant’Antonio, noto ai portoghesi come Santo António de Lisboa, nasce a Lisbona nel 1195, in una casa non lontana dalla cattedrale.

Durante il pomeriggio del 12 giugno imperdibile le Marchas Populares lungo Avenida da Liberdade, arteria che conduce nel cuore della città. La sfilata che vede protagonisti i quartieri lisboeti,  quest’anno sarà dedicata all’attore portoghese Vasco Santana e la canzone Vasco é Saudade ne sarà la colonna sonora.

Altro momento clou è la celebrazione collettiva dei matrimoni, quando molte coppie decidono di sposarsi con rito comunitario nel giorno di Sant’Antonio, considerato il protettore delle nozze.

La Galeria Millennium di Rua Augusta  ospita la mostra Save the Sardine,  che espone le opere del concorso annuale che ha come soggetto la sardina, simbolo della città.

Non mancano poi le iniziative per celebrare il ventesimo annivarsario di Expo ’98, e poi altri eventi come Lisboa Mistura e Diversy Party, il Summer Choral Festival e il Philharmonic Band Festival. Sarà un ese intenso nella città portoghese.

info su Festas de Lisboa

di Francesca Calò, foto di Eugenio Bersani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.