Gli italiani pronti a ripartire verso mete lontane

Gli italiani sono pronti a togliere la polvere dalle loro valigie. La ricerca commissionata da Qatar Airways ha considerato i desideri e le aspettative degli abitanti della penisola di fronte alla possibilità di viaggiare di nuovo.

Il risveglio dei viaggiatori

Durante il lockdown, chiusi tra le pareti di casa, abbiamo fantasticato sui viaggi compiuti in passato. Abbiamo pensato all’emozione di salire a bordo di un aereo, alle diverse culture conosciute e agli affascinanti luoghi visitati. Ci siamo chiesti quando sarebbe giunto il momento di tornare a viaggiare. Quel tempo che sembrava così lontano sembra profilarsi all’orizzonte.


L’80% degli italiani si dichiara entusiasta immaginandosi a bordo di un aereo. Foto di congerdesign da Pixab

Con cautela si può affermare che il momento di preparare i bagagli e partire per una nuova avventura sia vicino. A causa dell’emergenza sanitaria che ha colpito tutto il mondo, le modalità saranno differenti, ma non per questo la voglia di salire a bordo di un aereo è diminuita. Anzi, probabilmente tutto ciò ha aggiunto valore al viaggio: è diventato simbolo tangibile di ritorno alla normalità e di nuova libertà.

Il motto: volare lontano

Questo desiderio è stato provato dai dati emersi da una ricerca condotta da Human Highway per Qatar Airways. Attraverso interviste online compiute su un campione eterogeneo di residenti su tutto il territorio nazionale, sono state indagati i desideri, le aspettative e le destinazioni degli italiani.

Foto di Emslichter da Pixabay

È molto interessante osservare che molte delle mete indicate dagli intervistati sono lontane dall’Italia. Ovviamente anche il turismo locale è stato e sarà valorizzato, ma i viaggiatori italiani sembrano avvertire la necessità di lasciare per un po’ la penisola in direzione di luoghi lontani.

I compagni ideali? La famiglia o sé stessi

Prima di considerare le mete, lo studio ha chiesto agli intervistati quali saranno i loro compagni ideali per il prossimo viaggio. Un dato salta subito all’occhio: cresceranno i viaggi multigenerazionali. Individui appartenenti a ogni fascia di età hanno affermato di voler partire con figli, genitori e partner. Pare che la pandemia abbia contribuito a unire ancor di più, instillando la voglia di condividere esperienze.

Anche i giovani tra i 25 e i 35 anni desiderano partire con i genitori. Foto di tookapic da Pixabay

Seppur meno diffuso, cresce anche il desiderio di intraprendere un viaggio in solitaria. Sono soprattutto donne adulte (over 55) che manifestano la necessità di immergersi in un’avventura senza alcun compagno.

Le mete più gettonate

Come detto precedentemente, i desideri degli italiani sono popolati di destinazioni lontane.  Considerando il campione intervistato, la maggior parte dei giovani mira a un viaggio in Medio Oriente e Sud America, in quanto località ideali per avventure in compagnia di amici.  Un target più maturo sembra invece preferire Australia (soprattutto la multiculturale Sydney) e Nuova Zelanda.

Sydney, Australia
Sydney, Australia

Le coppie e le famiglie guardano all’Africa come prossima possibile destinazione. A spiccare sono i paradisi incontaminati come l’isola di Zanzibar, le Seychelles ma anche Johannesburg.

Città che invece attirano indistintamente qualsiasi target sono l’intramontabile New York e Tokyo, che recupererà i Giochi Olimpici dell’estate scorsa. Infine ai vertici della wishlist degli italiani si trovano le Maldive, lo splendido paradiso naturale che non stancherà mai i viaggiatori.

New York. Foto di Pierre Blaché da Pixabay

Info utili

Per altre informazioni consultare il sito di Qatar Airways.

Testo di Giulia Riedo | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.