Mount Greylock Scenic Byway, Appalachi mozzafiato

Sono centododici chilometri di strada scenografica che si snodano dai campi di Lanesborough fino ai boschi del monte Greylock. Questa é la montagna più alta del Massachusetts, dove si conserva una delle più vaerie biodiversità del Paese, oltre che al primo parco naturale dello stato. Il miglior periodo per percorrere la byway è tra fine maggio a metà ottobre, quando la strada è interamente percorribile in automobile, la primavera é al suo culmine, l’estate offre lunghe giornate soleggiate e l’autunno regala lo spettacolo del Fall Foliage. I sentieri sono aperti tutto l’anno e sono meta di hikers,  bird-watchers e – in inverno –.sciatori. Il più scenico probabilmente quello che per diciotto chilometri sale fino in vetta al Greylock. Il Visitor Center, sul versante meridionale della strada panoramica, è sempre aperto con mostre di cultura e storia della montagna. Sulla cima si trova la rustica parkitecture di pietra e legno del Basom Lodge, costruito nel 1930 dal Civilian Conservation Corps. Il punto più alto del parco è la War Memorial Tower, costruita due anni dopo il lodge; una scala spettacolare si inerpica sulla cima offrendo una vista panoramica mozzafiato sugli stati del New England e sul versante orientale dello stato di New York. Se poi avete tempo, perchè non recarvi a North Adams, sede del Massachusetts Museum Contemporary Art (MassMoCA) TUTTO ospitato in una fabbrica elettrica in disuso ed oggi il più grande museo d’arte contemporanea degli USA. Ogni estate qui si tiene il Down StreetArt, l’evento artistico che coinvolge l’intera cittadina. E’ in sintonia alloggiare al The Porches Inn, un tempo dimore della classe operaia, oggi un Inn eclettico ove ogni camera é distinta dall’altra. Sedie a dondolo suotto il portico, con lo sgurado che punta al MassMoCA!

Link utili: MassVacation

Foto Thema | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.