Hotel da incubo: i posti peggiori dove alloggiare

Hotel che vengono presentati come a cinque stelle, ma che nelle recensioni appaiono come dei luoghi da incubo. Lenzuola macchiate di sangue, scarafaggi e pavimenti rotti, queste sono alcune delle cose che hanno riportato su TripAdvisor alcuni ospiti e che fanno contendere a questi luoghi il titolo di peggior hotel del mondo, come indicato da MailOnline.

Grand Hotel, Pristina, Kosovo

Nel centro di Pristina, capitale del Kosovo è stato costruito nel 1978 il Grand Hotel che si aggiudicò presto le cinque stelle, diventando un punto di riferimento locale. Tuttavia ai giorni d’oggi l’hotel ha perso tutta la sua attrattività, mantenendo un tasso di occupazione media di appena l’1%.  Secondo il New York Times i corridoi dell’hotel sono bui, pieni di ragnatele e piume di piccioni, con alcuni piani completamente abbandonati. Caldamente sconsigliato dalla Lonely Planet, anche i commenti su TripAdvisor non risparmiano nulla a questo, ormai ex, Grand Hotel. C’è chi si lamenta della puzza di fumo nelle camere, chi del freddo, chi si è dovuto sottoporre a delle cure mediche per la presenza di insetti nel materasso, chi afferma che manca la porta dell’armadio e chi si lamenta per le vecchie tende che non coprono le finestre. Riassumendo tutti i commenti in poche parole: è un posto da incubo, non venite qui, l’hotel ha ormai perso tutto il suo fascino e decoro.

©Booking.com

The New World Hotel, New York  

Il New World Hotel di New York ha una reputazione leggendaria per i suoi cattivi feedback. Solo due valutazioni “eccellente” su 380 di TripAdvisor, mentre ce ne sono ben 138 che lo valutano come terribile. Situato nella zona di Chinatown, attira i turisti per la sua bassa tariffa, solo 56£ a notte, ma il prezzo da pagare in realtà è molto alto. Sono infatti state segnalate pareti sottilissime e sporche, bagni indecenti e cimici nei letti. Il consiglio di chi c’è stato è quello di spendere un po’ di più, ma alloggiare in hotel più decenti.

©Google Street View

Aspinals Hotel, Singapore 

Singapore è una città immacolata, priva di rifiuti, ma ricca di contraddizioni, si passa infatti da hotel super lusso a posti decisamente disgustosi, almeno secondo quanto riportato da TripAdvisor. L’Aspinals Hotel si trova al numero 307° posto dei 319 hotel valutati sulla piattaforma. Gli ospiti qui hanno evidenziato camere molto piccole e sporche, oltre che alla presenza di muffe, insetti, asciugamani sporchi e personale scortese, insomma un vero e proprio incubo.

©Booking.com

The Lonsdale Hotel, Londra

Nonostante Londra sia famosa per l’ospitalità e la bellezza dei suoi grandi hotel, non tutti impressionano gli ospiti in positivo. L’hotel Lonsdale viene descritto come una “vecchia casa di città georgiana a Bloomsbury” con un’atmosfera accogliente e familiare, tuttavia non tutti quelli che ci hanno alloggiato condividono questo parere. I principali commenti negativi segnalano stanze e bagni sporchi, tappeti maleodoranti, un personale incompetente.

©Booking.com

Centaur Hotel, Nuova Delhi

Grazie alla sua comoda posizione vicino all’Aeroporto Indira Gandhi, il Centaur Hotel attira un flusso stabile di ospiti. Diverse compagnie aeree invitano i loro passeggeri ad alloggiare qui quando ci sono ritardi o cancellazioni, tuttavia non tutti rimangono soddisfatti dall’offerta di questa struttura. Tra i principali problemi rilevati, sono state segnalate lenzuola sporche, a volte addirittura macchiate di sangue e acqua marrone che usciva dalla doccia.

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.