Pensionati all’estero: le migliori mete in cui trasferirsi

Molti pensionati decidono di abbandonare la propria patria. Non è una scelta semplice e perciò il magazine International Living ha deciso di intervenire consigliando le migliori destinazioni in cui trasferirsi dopo la pensione.

Photo by Vidar Nordli-Mathisen on Unsplash

Voglia di cambiare

Sempre di più sono le persone che dopo il termine della carriera lavorativa decidono di fare i bagagli e di partire per una nuova vita, in un posto diverso da quello in cui hanno vissuto fino a quel momento. Vi è una fuga importante di pensionati anche in Italia, a causa del costo della vita in continua crescita.

Dopo aver raccolto numerose informazioni e opinioni da persone in tutto il mondo, International Living ha redatto una classifica delle località che sembrano garantire delle ottime soluzioni per chi decide di trasferirsi all’estero nel 2021.

Costa Rica: la soluzione vincente

Dai numerosi dati raccolti emerge che ad accaparrarsi la medaglia d’oro in questa classifica sia la Costa Rica. Non bisogna sorprendersi: un paradiso naturale dai prezzi più che accessibili. In Costa Rica il costo della vita è inferiore rispetto all’Italia del 20% e per i pensionati che vi abitano è disponibile il programma Ciudadano de oro, che garantisce agli iscritti delle agevolazioni.

Oltre ai vantaggi economici e le bellezze naturalistiche che la contraddistinguono, questa repubblica è nota a livello internazionale per la sua sicurezza e per l’impegno per l’ambiente. Ricordiamo anche che questa è una della cinque zone blu, ossia una di quelle regioni che vanta il più alto tasso di centenari.

Photo by Atanas Malamov on Unsplash

Panama: agevolazioni per i pensionati

Al secondo posto troviamo Panama. Questo paese sta vivendo un boom economico e il rapporto qualità/prezzo notevole attira numerosi residenti da tutto il globo. Tra le caratteristiche più apprezzabili c’è il clima mite che sembra regalare alla zona una perenne primavera/estate.

Panama city, photo by Felix Tchverkin on Unsplash

In questo paese vi sono molti europei (tra cui numerosi italiani) che vivono con il loro assegno pensionistico. Il motivo principale che spinge molte persone a scegliere questa destinazione è la presenza di sussidi dedicati ai pensionati, che hanno così la possibilità di usufruire della bellezza e di tutti i comfort a prezza convenienti.

La giusta siesta dopo una carriera di lavoro

Al terzo posto della classifica si posiziona il Messico. Pensionati di tutto il mondo scelgono questa meta perché attirati dal basso costo della vita. Essendo numerosi i casi di espatriati, questo paese è fortemente predisposto ad accogliere nuovi residenti, proponendo diverse agevolazioni.

A renderlo una destinazione ideale è anche il clima tropicale che lo caratterizza, con temperature calde e piacevoli. D’altra parte, oltre alle meraviglie naturali (come le spiagge bianchissime) vi sono anche luoghi d’interesse legati alla cultura maya e azteca.

Guanajuato, photo by Dennis Schrader on Unsplash

Quarta meta: Portogallo

La quarta meta che emerge dai dati del sondaggio è il Portogallo. In effetti le risorse che offre sono incantevoli: spiagge dorate, colline verdi, città dai mille colori e molto altro. Anche in questo stato i pensionati possono usufruire di sussidi.

Tra le zone preferite dei pensionati c’è Algarve: la regione più meridionale del Portogallo si presta a tutte le tipologie di esigenze. Si può vivere in un piccolo paesino tipico oppure in un contesto più cittadino. In ogni caso si potrà godere delle meraviglie che rendono la regione così gettonata.

Grotta di Benagil ad Algarve Foto di Julius Silver da Pixabay

Dall’Ecuador alla Malesia

Lontanissimi l’uno dall’altro ma pari nella gara descritta in questo articolo l’Ecuador e Malesia rappresentano altre due soluzioni ottime per chi decide di lasciare il proprio paese. Dalle coste dell’Oceano Pacifico alle Ande, il piccolo stato sudamericano offre una molteplicità di luoghi tra cui scegliere a seconda dei propri stili di vita. Denominatore comune di tutte queste località: la convenienza economica e le eccellenze naturalistiche.

Nel sud-est asiatico la Malesia è diventata la nuova casa di molti pensionati tra gli intervistati. Anche qui troviamo territori straordinari, realtà multiculturali e prezzi convenienti. Ma un notevole vantaggio è rappresentato dal fatto che la seconda lingua parlata sia l’inglese, il che agevola l’integrazione per i neo-residenti provenienti dall’estero. 

malesia-penang
Malesia, isola di Penang foto Pixabay

Francia: un’opzione per tutti i budget

Non necessariamente si deve volare oltreoceano per poter vivere con un assegno pensionistico. Infatti, in terzultima posizione troviamo la Francia. Estremamente diversificata, la regione francese propone opzioni per tutti i budget. Chiaramente trasferirsi in città come Parigi avrà un certo costo, ma ci sono molte altre alternative che coniugano convenienza, tranquillità e bellezza.

Normandia, foto di tony knight da Pixabay

I dati rivelano che le mete preferite sono la Normandia, la Bretagna, la Dordogna e le aree all’interno dell’Occitania. Oltre alla complessiva bellezza dei paesaggi e delle città francesi, un altro fattore importante è il sistema sanitario, considerato tra i migliori al mondo. Gli espatriati possono usufruire dell’eccellente copertura sanitaria dopo soli tre mesi dal trasferimento.

Malta e Vietnam: tra storia e tradizioni

Negli ultimi posti della classifica si posizionano Malta e il Vietnam. La prima rappresenta un gioiello nel cuore del Mediterraneo. Ospita tesori storici e archeologici e può vantare di infrastrutture e servizi di altissima qualità. Il costo della vita a Malta non è troppo dissimile da quello italiano, ma ciò che cambia è la tassazione sulle pensioni. In Italia l’aliquota è del 23%, mentre a Malta è del 15%.

L’ultima meta (ma comunque ideale) è il Vietnam. L’economia del paese sta crescendo e attira molti neo-residenti. Trovare lavoro non è complicato se si conosce l’inglese e il costo della vita è basso. Nonostante la fase di modernizzazione che il paese sta vivendo, la tradizione vietnamita rimane sempre ben radicata (soprattutto quella culinaria).

Photo by Tran Phu on Unsplash

Info utili

Per altre informazioni consultare il sito di International Living.

 Testo di Giulia Riedo|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.