Matrimonio, i Paesi più scelti dove celebrare le nozze

Da una ricerca di money.co.uk emerge che è l’India il Paese più cercato su Google come location per un matrimonio. Bene l’Italia che si piazza seconda nella classifica generale.

In base ai dati di ricerca su Google è l’India il Paese più ambito al mondo dove sposarsi. Il risultato, un po’ a sorpresa, emerge dallo studio condotto da esperti di finanza matrimoniale per il magazine online money.co.uk.

Il grande Stato asiatico, ricco di cultura, storia e bellezze naturali, è in cima alle ricerche in ben 38 Paesi. Del resto luoghi dove trascorrere qualche giornata di relax e divertimento qui non mancano. Basti pensare a Goa, perfetta per un matrimonio romantico sul mare, o a Udaipur, location apprezzata per gli incantevoli laghi.

Nella speciale classifica al secondo posto si piazza l’Italia. I cittadini di Cambogia, Francia, Grecia, Irlanda del Nord, Scozia, Sri Lanka, Svezia, Thailandia e di altri 20 Paesi sono quelli che scelgono, o almeno, desiderano la penisola come meta dove pronunciare il fatidico “sì”.

Turchia e Nigeria sono a pari merito in terza posizione (12 Paesi) mentre la Francia segue da vicino (11 Paesi). Nella top five figura la Grecia, destinazione di nozze più cercata su Google in Armenia, Brasile, Inghilterra, Ungheria, Sud Africa e Galles.

La top 10 è completata da Marocco, Maldive, Hawaii (tutti in cima alle ricerche in 4 Paesi) e Portogallo (3). Decisamente interessanti anche i risultati per ogni Continente.

Europa

Nel Vecchio Continente è l’Italia è la destinazione più desiderabile per convolare a nozze. Il nostro Paese è la location di matrimonio più ricercata in 21 nazioni europee tra cui, in ordine, figurano Scozia, Irlanda del Nord, Francia, Danimarca, Grecia, Norvegia e Svizzera.

Africa

lagos-nigeria-spiaggia
Foto di Oladapo Olusola da Pixabay

In Africa primo gradino del podio è appannaggio della Nigeria, meta ambita da cittadini di 11 Paesi del Continente (Botswana, Camerun, Ghana, Liberia, Libia, Namibia, Ruanda, Sierra Leone,Tanzania, Gambia e Uganda).

La Francia è il secondo luogo più popolare per una destinazione di matrimonio: il Paese transalpino è il più cercato su Google in 9 Stati. La Turchia (4 Paesi) è terza seguita da Portogallo, Mali e India.

Asia

A woman sits on one of the Cappadocia roof in early morning sunrise, when balloons fly. Romantic scene Cappadocia, Turkey.

Italia e Turchia, prime a pari merito con 4 Paesi, sono le mete più apprezzate dagli Stati asiatici. L’India è in terza posizione in quanto risulta essere la destinazione di nozze più cercata su Google per l’Azerbaigian, le Maldive e Singapore.

Nord America

L’India è il Paese più desiderato per ospitare un matrimonio per 16 Stati del Nord America. Il secondo posto è occupato dalla Turchia, con Guatemala e Honduras alla ricerca di matrimoni lì più di qualsiasi altra località.

Sud America

L’India è in testa anche nella classifica dei Paesi sudamericani. Cile, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù e Venezuela apprezzano lo Stato asiatico come destinazione di nozze. L’Italia è seconda nella lista, in vetta alle ricerche effettuate in Paraguay e Uruguay.

Oceania

Parco-nazionale-Abel-Tasman-Nuova-Zelanda
Il parco Nazionale Abel Tasman in Nuova Zelanda, intitolato al navigatore olandese ©Shutterstock

Discorso simile, almeno per la testa della classifica, per l’Oceania. Australia, Fiji, Nuova Zelanda, Palau e Papua Nuova Guinea sono i cinque Paesi del Continente che vogliono sposarsi in India più di qualsiasi altra nazione.

Le Fiji, al secondo posto, sono cercate su Google nelle Isole Salomone, Tuvalu e Vanuatu. Nuova Zelanda, Samoa e Hawaii sono gli altri Paesi a figurare nelle destinazioni di nozze più ricercate di questo Continente.

Stati Uniti

L’India si posiziona prima in classifica anche per le ricerche condotte negli Stati Uniti (42 Stati). Le Hawaii sono le seconde più cercate seguite da Maui.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.